mercoledì 27 marzo 2013

Pannolini lavabili. Quali.

Ultimamente mi è capitato - nelle vita reale, non in rete insomma - di trovarmi a dover (e voler) spiegare cosa sono e come si usano i pannolini lavabili e nei commenti all'ultimo post pubblicato sulla decrescita è nata una spontanea chiaccherata sull'uso e l'economicità degli stessi.

Ho pensato fosse arrivato il momento per fare un riassunto su questo ancora tanto dibattuto argomento.

Innanzitutto non associamo necessariamente i lavabili con i ciripà di vecchia memoria: una maglina da ripiegare e legare con due lacci in vita. Rimane un sistema molto economico soprattutto per chi puo' usufruire di ciripà conservati dalle nonne o per chi ha dimestichezza con ago e filo, perchè possono essere facilmente realizzabili - ma almeno all'inizio risultano poco pratici e, se utilizzati da subito e senza esperienza o aiuto, possono scoraggiare.
In favore dei ciripà va sottolineato che i modelli più recenti sono abbinabili a inserti aggiuntivi con alta capacità di assorbenza e a mutandine in lana, maglina, poliestere da indossare sopra il ciripà.

I più pratici in commercio sono i cosidetto AIO (all in one), pratici perchè del tutto simili agli usa&getta tradizionali. Si tratta di un unico pannolino composto da materiale - cotone, canapa, bambù o microfibra - assorbente cucito su una mutandina impermeabile in PUL (poliestere),  la chiusura è in velcro o con bottoncini e non richiede ne' spille, ne' allacciature altre. Sono pannolini molto richiesti anche per l'estetica, molte le fantasie e i colori utilizzati per l'esterno delle mutandine.

Uno dei primi modelli alternativa ai ciripà sono stati i POCKET, una mutandina in PUL all'esterno a cui è cucito uno strato di morbido pile che drena il bagnato verso l'inserto assorbente (come sopra in bambù, canapa, cotone o microfibra) inserito in una tasca. Hanno la caratteristica di avere bottoncini richiudibili in base alla taglia del bambino.

ciripà
prefold
I ciripà e i prefold, invece, fanno parte della serie dei pannolini in due pezzi, vale a dire che oltre al pannolino è necessario indossare una mutandina impermeabile esterna che ha il "compito" di evitare fuoriuscite e bagnare gli indumenti ma di lasciare traspirare la pelle del bambino. Per quest'ultimo motivo sono assolutamente preferibili mutandine in poliestere (il solito PUL) e in lana, tra l'altro facilmente realizzabili; i ciripà si chiudono con un fiocco e per aumentarne l'assorbenza è consigliabile aggiungere un inserto assorbente, i prefold (che io ho molto apprezzato) hanno un'incredibile capacità di assorbenza: si tratta di un rettangolo di stoffa con una parte centrale più spessa che puo' essere piegato in diversi modi anche se la piegatura a ventaglio è, a mio parere, la più rapida e la più "efficente".  Il prefold si chiude con una spilla o uno snippet, spille in gomma. Alcune mamme non chiudono i prefold e lasciano che sia la mutandina a contenere tutto. Mi sento di sconsigliare questa chiusura, una spilla in gomma costa poco, si riutilizza all'infinito ed è utile soprattutto con i bimbi che cominciano a muoversi.

Io ho utilizzato tutti i tipi di pannolini che ho elencato (non ne parlerei, diversamente) e ciascuno ha una sua validità. Ottimi sono i prefold per i primi mesi e per i bambini che si muovono poco perchè, se non si ha molta manualità, l'allacciatura con un cucciolo sgambettante diventa un'impresa (divertente, ma un'impresa) e perchè - come i ciripà - hanno un'asciugatura rapida.
I pocket e i AIO (tutto in uno) asciugano con più difficoltà - ci si puo' comunque aiutare disponendoli sui termosifone -  ma sono validi per i bimbi più grandicelli che si muovono e cominciano a stare in piedi.

Ci sono tanti video in rete e altrettante foto su come chiudere tutti questi pannolini, ho imparato anchio così ma vi consiglio di incontrare un'altra mamma già esperta: tutto sempra più facile, si puo' provare insieme e condividere i dubbi.

Il lavaggio: non bisogna farsi problemi a lavare questi pannolini con gli altri indumenti o con detersivi particolarmente lavanti. Se siete famiglie tendenzialmente eco, vi troverete benissimo con i vostri detersivi bio, lavaggi a basse temperature (30°/40°), nessun candeggiante, ne' ammorbidente (che si potrebbe evitare per qualsiasi indumento).
Ci sono indicazioni su lavaggi ad alte temperature per abbattare la carica batterica, uso di bicarbonato, sull'utilità di lasciare in ammollo i pannolini prima del lavaggio, sull'uso di olii essenziali antimicotici (in particolare il tea tree oil), l'uso del percarbonato come sbiancante.
Un mio consiglio è lasciare perdere e rilassarsi, tanto i batteri si riformano sempre e ovunque e difficilmente un pannolino resta macchiato al punto da dover utilizzare uno sbiancante, anche naturale come il percarbonato. Unica accortezza: lasciar cadere le feci nel wc, pratica necessaria anche per gli usa&getta, eppure nessuno lo sa!
I vostro detersivo andrà benissimo, i lavaggi a basse temperature costano meno e evitando altri detersivi (sbiancanti, cattura colore, candeggianti, ammorbidenti) non danneggiate l'ambiente e, se questo aspetto non vi tocca, almento risparmierete e alla lunga vi accorgerete di poterne fare tranquillamente a meno.
E se proprio dovete aggiungete al lavaggio dell'aceto bianco, farà da ammorbidente.

Tengo a precisare che sono una mamma come tante, ne' fanatica del bio, ne' con resistenza fisica oltre il normale, approssimativa con la casa e alla ricerca del giusto equilibrio tra i figli e il lavoro. Se i pannolini lavabili sono stati alla mia portata lo sono anche alla vostra!

Come mamma - e zia di 5 nipoti - so che talvolta si è stanche, desiderose di essere solo accudite e stufe di barcamenarsi tra cuccioli e lavori di casa. In momenti come questi, si sente il desiderio di mollare tutto e acquistare il classico pannolino super assorbente.
Vi consiglio allora di scegliere i pannolini bio,  ma prestate attenzione al termine biologico: un pannolino per essere bio deve superare il 90% di biodegradabilità (nessun prodotto è bio al 100% peraltro) quindi predevere un packaging biodegradabile, l'uso di colle biodegradabili per le alette di chiusura e l'uso di sostanze assorbenti naturali poichè per poter garantire un'alta assorbenza le aziende produttrici di usa&getta utilizzano prodotti chimici dannosi per la pelle (possono provocare dermatite da pannolino) e per l'ambiente.
Districarsi per i genitori è difficile perchè i pannolini sono esclusi dalla direttive europee che obbligano l'indicazione della composizione del prodotto ma cio' non esclude sia possibile informarsi e, perchè no, chiedere al produttore la composizione.




Ulteriori approfondimenti che mi sento di consigliare:
http://www.nonsolociripa.it/
http://forum.promiseland.it/
http://ecowip.com/  (produttore dei pannolini usa e getta Naturaè).
http://www.biodizionario.it/



nota: non potendo fotografare i miei pannolini - al momento in prestito ad altre mamme - si segnala che le immagini inserite nel post sono di:
ww.ecobaby.it
www.bellicomeilsole.it
http://greenmomhappymom.com


Al prossimo post perchè ho scelto i pannolini lavabili.

18 commenti:

  1. Io te li ho chiesti e ridati a singhiozzo ... poi ho purtroppo desistito ...dico purtroppo perchè adesso li userei ma con i primi figli (gemelli) all'inizio è stata dura (dai venti ai trenta cambi al giorno) e poi mi pareva inutile "ormai ho iniziato" economicamente non mi conviene piu' ...e poi ho pensato che presto o tardi non li useranno piu' (siamo arrivati con il pannolino fino a tre anni di giorno e per uno ancora la notte) ....ma , ora li userei! hehe con il senno di poi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con due gemelli ci vuole decisamente più pazienza e una buona organizzazione. Il senno di poi, gran bella cosa!

      Elimina
  2. Ho utilizzato part-time (perché il nido non li accettava) AIO e POCKET, mi sono trovata molto bene, e secondo me hanno agevolato lo spannolinamento perché, al contrario degli usa e getta, non tolgono la sensazione di bagnato.

    Ti segnalo anche i post di Equazioni, in cui ci sono anche schede comparative:
    http://www.equazioni.org/index.php/category/pannolini-lavabili/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per la segnalazione che ho letto volentieri e dove ho trovato anche il riferimento all' Ec (elimination communication) ovvero vivere senza pannolino di cui vale la pena parlare.

      Sono d'accordo: agevolano lo spannolinamento anche se io non glieli avrei mai tolti perchè mi piacevano troppo le fantasie ;))

      Elimina
  3. Di PL si parla tanto, ma non è mai abbastanza .. e questo è un bellissimo post!
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Confermo l'utilità del percarbonato: l'ho usato per i lavabili di mio figlio (usavo il tipo tutto-in-uno in cotone bio), lo uso tuttora su tutto il bucato e noto che ha un'azione deodorante oltre che sbiancante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia pigrizia mi fa rinunciare piuttosto che aggiungere quindi il percarbonato l'ho usato pochissimo. Potrei riprovarci per tentare di smacchiare certi abiti dei bambini....

      Elimina
  5. ti avrei dovuto leggere 3 anni fa quando tutte le mie amiche che avevano provato non hanno fatto altro che scoraggiarmi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Elena ti hanno scoraggiato?! lo so che non c'è paragone per una neomamma tra un usa&getta tradizionale e un lavabile. Vuoi mettere la comodità? pero' tentare vale la pena e poi magari alternare i lavabili con gli u&g bio.
      sarà per la prossima ;)

      Elimina
  6. Sono bellissime. Infatti ci sto pensando di cominciare anch'io con i pannolini lavabili. Il mio bambino ha 16 mesi, vale ancora la pena comprarli no? Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari potresti provare per portarlo verso lo spannolinamento. Non comprarne tanti perchè a 16 mesi non serve una gran quantità.

      Elimina
  7. Anche io ho utilizzato i lavabili..e con enorme successo!
    HO utilizzato i pocket, ma gli inserti erano tutti estraibili per cui non avevo problemi di asciugatura!
    Fantastici. Io li buttavo tranquillamente in lavatrice.
    La pupu' nel water e poi una sciacquata veloce con il sapone di marsiglia per togliere il grosso.
    A volte li lasciavo in ammollo in acqua bollente..insomma mi organizzavo a seconda del tempo a disposizione.
    Ma nei miei lavaggi non mancava mai il percarbonato.
    Passare ai lavoabili credo che sia più una questione di mentalità che di 'difficoltà' vera e propria...rinunciare ad un pizzico di comodità per un notevole minor impatto sull'ambiente e sul portafoglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ero certa, Ste!
      Hai ragione, questione di mentalità.

      Elimina
  8. Io ho usato dei prefold che mi aveva passato mia cognata che li aveva abbandonati e non mi ero trovata male, ma erano adatti solo fino a 6 kg. Poi ho preso dei pocket e dei AIO. Purtroppo mi sono fatta convincere da quelli del negozio e dalla fretta di averli a prendere i Pop-in, con i quali mi sono trovata malissimo, ma forse è solo un problema mio, nel senso che l'interno in bambù non è affatto morbido, le cuciture lasciavano brutti segni nel girocoscia e la parte in velcro sulla pancia riusciva comunque a segnarla quando stava seduta (su questo non mi riesco a spiegare bene). Inoltre dovevano andare bene fino allo spannolinamento, ma già da un po' sono troppo piccoli e mia figlia è magra, solo alta per la sua età, ma non di certo cicciotta.
    Con altri mi sono trovata meglio. Purtroppo per i tempi di asciugatura e per altri motivi quest'inverno li ho abbandonati e li sto riprendendo solo adesso, sperando che mi portino fino allo spannolinamento.
    Per il lavaggio io ho sempre usato solo 2-3 cucchiai di bicarbonato, qualche goccia di tea tree oil e aceto bianco.
    Sono contenta a metà...

    RispondiElimina
  9. Ciao! Io da anni uso i Popolini, sia gli All in One che i prefold, però ammetto di aver usato in maniera mista anche gli usa e getta (per esempio quando mi sposto e vado in città, per praticità, o le notti dei primi mesi). Li userò ancora per poco perché è ora di spannolinare Bjorn (sono già tardi, rispetto agli altri 2), ma sono comunque entusiasta del tuo post: sarà davvero utile a tante mamme, dato che è sempre più difficile orientarsi tra tutti questi modelli!
    A proposito: la prozia mi regalò un mucchio di ciripà, ma non sono mai stata in grado di metterli ai miei figli.... sono una frana.....
    Ciao!

    RispondiElimina
  10. Ciao! ottimo post, chiaro e ben spiegato! :) da Soffici Coccole

    RispondiElimina
  11. Ciao, nel mio appena nato blog, parlo anch'io di pannolini lavabili. E noto che abbiamo molto punti in comune sono diventata tua follower. se vuoi passare a sbirciare i pochi post presenti ;-)
    Ciao
    http://semplicementeoggi.blogspot.it

    RispondiElimina

la moderazione dei commenti l'ho aggiunta per evitare i numerosi messaggi di spam e per avere il piacere di leggere subito i vostri commenti via mail!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...