lunedì 23 febbraio 2015

Quando un elefante si innamora di Davide Calì e Alice Lotti – Kite edizioni.



I bambini, per loro natura, non riescono a definire ciò che è astratto. L’amore lo è. Pertanto provate a chiedere ad un bambino “ma cos’è l’amore?”,  vi potrà rispondere con esempi, immagini concrete di ciò che per lui lo simboleggia. Risposte che spesso ci fanno intenerire e sorridere. 


Al contrario, sottoposti a innumerevoli stimoli, scoprono la parola sesso (con i suoi annessi e connessi) completamente impreparati, attribuendogli  significati spesso errati e talvolta confondendola con l’amore.


Tanto vale parlarne, a cominciare dal sentimento.

Sentimento come rispetto, dolcezza, tenerezza.


Insomma  leggiamogli dell’amore a cominciare da un albo, il resto verrà da se’.
Di recente pubblicazione – è un testo del 2014 – Quando un elefante si innamora, si avvale dei testi di Davide Calì e delle illustrazioni di Alice Liotti alla sua prima esperienza in veste di illustratrice per bambini.

Davide Calì in pochi anni ha scritto diversi albi di successo. La profondità della sua scrittura è racchiusa in queste poche parole : 


Quando ho iniziato a scrivere per bambini mi sono imposto alcune regole. Una di queste era concedermi la libertà e il diritto di parlare ai bambini di qualsiasi cosa, senza pormi limiti.
I bambini non sono degli idioti. Mi meraviglia sempre constatare quanto spesso gli adulti ne siano invece sinceramente convinti.
Nello scrivere ho cercato di ricordare come ero io da bambino. L’unico limite che ho accettato è che talvolta i bambini possono non capire certe cose. Allora basta spiegargliele. (ndr: stralcio di un’intervista pubblicata da Lefiguredeilibri.com).

Puo' succedere a tutti di innamorarsi e in questo albo è la volta di un elefante. Non importa se hai la proboscite, immense orecchie e quattro zampone enormi, le tue emozioni saranno le stesse di tutti: cura attenta dell'aspetto fisico, ricerca di una nuova eleganza, fame e mancanza d'appettito, gesti romantici e testa fra le nuvole.
Nulla di nuovo? No, certo ma questa storia - seppure raccontata con infinita raffinatezza - ci farà sorridere perchè nei suoi gesti, nelle incertezze, nella gioia, nei turbamenti ci ritroveremo riflessi tutti.

L'elefantino le proverà tutte, tra cui la stravagante idea di nascondersi dietro un tronco per non farsi notare......


L'albo inizia con una sorta di simpatico inganno, perchè se è chiaro fin da subito che il pachiderma è innamorato “Quando un elefante si innamora fa di tutto per farsi notare”, è anche vero in ogni pagina è accompagnato da un uccellino giallo. Sarà dunque la storia d'amore tra l'imponente elefante e il piccolo uccellino?

 
In effetti non è così e solo nell’ultima pagina l’amata elefantina si paleserà. 


Gli autori sono stati bravissimi a realizzare un albo in cui il testo e le illustrazioni sembrano non volere far rumore ma lasciare spazio solo alla storia. Nel leggere ci lasceremo accompagnare dalle piccole tavole essenziali, con illustrazioni tratteggiate su tenui fondali ed un testo ridotto al minimo, sempre dolcemente ironico o sospirante. 

Ultima nota, ma non meno importante, l'albo è consigliato a partire dai 3 anni. Io aggiungerei di proporlo senza limiti di età e proverei a metterlo tra le mani dei ragazzi.

mercoledì 11 febbraio 2015

COLORI Hervé Tullet - Mondadori Electa (collana Phaidon Electa Kids)




Hervé Tullet è geniale! Dopo Un libro, il best seller conosciuto in tutto il mondo e amato da molti bambini , pubblica Colori


Non possiamo considerare Tullet come uno scrittore tradizionale, i suoi albi non richiedono al bambino un ascolto e uno sguardo passivo ma l’idea dell’autore è “identificare il pensiero nell’attimo in cui si forma”. Molto attuale se pensiamo ai nostri nativi digitali! In fondo i libri di Tullet sono dinamici: richiedono di intervenire con le proprie dita, facendole scivolare sulla pagina e aspettando che qualcosa avvenga appena sfogliata.

Una grande opportunità per i genitori: lasciare al bambino l’illusione di intervenire realmente e, nel contempo, introdurli all’elemento libro e a tutte le informazioni e le emozioni che regala – cosa che difficilmente un tablet offre…….

La dinamica infatti non cambia: è un libro in un certo senso “interattivo” perché si rivolge direttamente a chi legge, coinvolgendolo direttamente e dando l’impressione di contribuire ai cambiamenti che avvengono in ogni pagina. 

Si parte da tre colori: giallo, rosso e blu, ma poi i colori si mescolano e questi primari danno vita ad altri, poi si aggiunge il nero, il bianco e si scuote il libro; si conta sino a 5, ci è richiesto di chiudere gli occhi oppure appoggiare la mano sul foglio e aspettare. Ogni volta succede qualcosa e non dubito susciterà stupore ad ogni pagina!


 
Il bambino è invitato ad utilizzare il dito come fosse un pennello e a pensare al libro come ad una tavolozza. Un libro apparentemente semplice ma in grado di catturare l’attenzione e stimolare l’immaginazione. 

Naturalmente non fermiamoci qui: Tullet invita a “sporcarsi le mani” ma facciamo in modo che non resti un concetto virtuale, quindi offriamo ai nostri bambini colori, fogli di carta, pennelli e lasciamoli sperimentare i movimenti suggeriti da Tullet. Scopriranno che i colori si mescolano davvero e non si fermeranno al primo tentativo!


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...