domenica 12 febbraio 2012

Dialoghi. Inquietudine.


Pomeriggio silenzioso.
Osservo che la belvetta due rovista tra gli strofinacci della cucina. Sarà un travestimento, penso.
Poco dopo trovo le mie sciarpe: tappezzano il pavimento.
"Eliaaaaa"
"mamma non chiamare Elia, è morto".
"ma cosa dici?"
"vabbè mamma non è proprio morto, l'ho nascosto nella pancia"
"e come mai?"
"perchè adesso io sono Sabrina"
 "......(n.d.r. espressione indefinibile)......."










13 commenti:

  1. Questi dialoghi sono mitici! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suo papa' e' pensieroso...

      Elimina
    2. I papà fanno presto a impensierirsi...:)La verità è che Elia è simpaticissimo ed estremamente creativo! - Graziana

      Elimina
    3. Graziana, hai ragione! I miei figli sono "venuti" così un po' creativi.....il fatto è che mi piacciono così!

      Elimina
  2. Elia è proprio l'erede del papà...tutto il suo talento :-)

    RispondiElimina
  3. Vabbè che dire .... sabrina è un bel nome.... ops...

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Adesso è niente, ma verrà un giorno..."Pronto, qui è la scuola...mmh, suo figlio dice di chiamarsi Sabrina..."...ma in quel caso puoi mandare il papà al colloquio con la maestra!! ;-)

      Elimina
  5. Adesso è niente, ma verrà un giorno..."Pronto, qui è la scuola, suo figlio firma le verifiche come Sabrina..."...bhe,manderai il papà al colloquio con la maestra ;-)

    RispondiElimina
  6. Fantastico Elia!!!! Avrò fatto bene a regalargli la barbie a Natale!??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto benissimo. Hai stimolato la sua creatività..................

      Elimina
  7. Bravissimo Elia, con molta fantasia!

    RispondiElimina

la moderazione dei commenti l'ho aggiunta per evitare i numerosi messaggi di spam e per avere il piacere di leggere subito i vostri commenti via mail!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...